22791638 900217763471702 2254182329481753618 O

Il Marketing referenziale e il valore del passaparola

30 ottobre 2017

Lunedì scorso Palataurus è diventato scenario della Big Breakfast di BNI “Business Network international”, in poche parole l’organizzazione di scambio referenze più vasta al mondo. La loro filosofia è semplice e si basa su un principio cardine quale “Givers Gain” (Chi dà, riceve), secondo il quale tramite il marketing referenziale è possibile aumentare il proprio giro di affari.

Ma cos’è il marketing referenziale?

Il referral marketing è un metodo di promozione basato sul passaparola, ovvero la più antica forma di compravendita.

Negli ultimi anni e con l’avvento dei moderni social networks si è fatto strada il bisogno di raccontarsi e farsi conoscere, soprattutto dal punto di vista lavorativo:  Veicolare un messaggio positivo a un grande numero di persone, aumentare il livello di fiducia ed entrare in contatto con un maggior numero di potenziali clienti.

Per fare ciò avere una buona referenza da parte di un comprovato cliente è fondamentale. Al giorno d’oggi, anche nel nostro quotidiano, tendiamo a scegliere ristoranti, parrucchiere, hotel ecc che hanno buone recensioni o che, ancora meglio, sono già stati testati da persone che conosciamo.

Nonostante ciò per fa sì che le persone parlino di noi e del nostro lavoro è necessario che il nostro prodotto non sia solo un bel prodotto ma sia anche fonte di un’esperienza e che in generale abbia un valore condivisibile. Lasciare al cliente una buona impressione a livello emozionale gli permetterà di parlare di noi non solo in termini puramente economici “ fa un buon prezzo” ma anche ad un livello più profondo “ mi sono trovato bene” “ te lo consiglio” “ha fatto un buon lavoro”

In poche parole se è vero che il “word of mouth” è un processo naturale, il suo effetto si può ottimizzare facendo in modo da mettere in contatto diretto domanda e offerta, creando dunque un sistema nel quale imprenditori imparano a conoscere il lavoro degli altri e portare agli altri il valore del proprio lavoro.